Protozoi, introduzione e principali caratteristiche

I protisti sono uno dei regni del mondo dei viventi e comprendono organismi che condividono un’organizzazione unicellulare. Sono organismi eucariotici che, ovviamente, hanno il nucleo separato dal citoplasma tramite la membrana nucleare. La simmetria può essere sferica, assente, bilaterale o raggiata.



Le dimensioni tra i vari organismi appartenenti a questo regno sono molto diverse tra loro: solitamente sono molto piccoli ma alcune amebe raggiungono dimensioni notevoli (parliamo di dimensioni dell’ordine di 1-2 mm).
Essendo unicellulare non ci sono né tessuti né organi, quindi gli organelli cellulari sono molto specializzati perché, in un certo senso, svolgono le funzioni che hanno gli organi negli organismi pluricellulari.

Locomozione dei protisti

Può avvenire tramite il battito di flagelli/cilia oppure tramite pseupodi, che permettono movimenti ameboidi (in pratica si striscia sul substrato).

Le strutture cellulari dei protisti

I protisti possono condurre una vita libera o in simbiosi con un altro organismo, sia come parassiti sia come mutualisti. Alcuni di essi possono provocare malattie gravi come la malaria o la malattia del sonno, i mutualisti invece possono essere molto utili perché favorisco la nutrizione dell’organismo con cui vivono.

Alimentazione dei protisti

L’alimentazione può essere sia eterotrofa che autotrofa, ci sono infatti dei protisti che sono in grado di organicare il carbonio. In realtà questa è una separazione di comodo perché ci sono alcuni organismi che hanno la clorofilla in alcune fasi del loro ciclo vitale, quindi si trovano a cavallo tra il mondo animale e vegetale.

Negli eterotrofi l’alimentazione può essere:

  • Olozoica: si nutrono di altri organismo
  • Saprofitica: si nutrono di sostanze organiche disciolte
  • Saprozoica: si nutrono di residui di animali morti

Riproduzione dei protisti

E’ di tipo asessuale tramite scissione binaria, multipla o gemmazione ma sono presenti anche processi di tipo sessuale. La riproduzione però è diversa nei vari gruppi di protisti, e in base a quando avviene la meiosi il ciclo vitale può essere aploide, diploide o aplodiplonte.
Ci sono anche organismi dove è presente solo riproduzione asessuale, quindi sono aploidi.



I gruppi che appartengono ai protisti

Nei protisti non troviamo molti gruppi e i Phyla solo solamente una ventina, perché non si può parlare di piano strutturale. I tre gruppi principali sono:

  • Sarcomastigophora: comprendono gli organismi flagellati (mastigofori) e le amebe (sarcodini). Inizialmente erano considerati due gruppi separati, sono stati poi riuniti perché i flagellati hanno nel loro ciclo vitale alcuni stadi aflagellati e le amebe alcuni stadi flagellati.
Struttura delle amebe
Fonte foto ameba: http://ilmicroscopio.blogspot.it
  • Ciliofora: comprendono gli organismi provvisti di cilia.
  • Apicomplexa: sono anche detti sporozoi e sono organismi che non si muovono, ma sono parassiti endocellulari.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato nel superamento degli esami della triennale. Per sostenere il progetto potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo. Per voi non ci sarà nessun sovrapprezzo, ma questo mi consente di ottenere una piccola commissione. Un'ultima cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *