Mastigofori, i protisti flagellati

Abbiamo detto, quando abbiamo introdotto il regno dei protisti (consulta i nostri appunti per trovare le loro caratteristiche principali), che questi organismi possono muoversi tramite cilia o flagelli.

Cilia e flagelli hanno la stessa struttura: sono infatti entrambi formati da un corpo basale da cui si diparte una struttura di microtubuli. La differenza è che le cilia sono corte e, affinché funzionino, è necessario che siano numerose; i flagelli invece sono lunghi e sono presenti in numero limitato.

Le strutture cellulari dei protisti

Fanno parte dei protisti i Sarcomastigophora, che come sappiamo comprendono mastigofori e amebe. In questo appunti parleremo degli organismi provvisti di flagelli, che si dividono in due gruppi: i fitoflagellati e gli zooflagellati. I flagellati possiedono 1 o 2 flagelli e comprendono anche gli organismi provvisti di clorofilla.

Fitoflagellati

Alcuni organismi appartenenti ai fitoflagellati sono privi di flagello e vivono come simbionti, alcuni mutualisti altri parassiti.
Tutti i fitoflagellati utilizzano il flagello per la locomozione, a differenza di alcuni zooflagellati che lo utilizzano per l’alimentazione.



Volvox: un possibile progenitore della condizione pluricellulare

Questo è un organismo coloniale che è considerato il progenitore della pluricellularità perché tutte le cellule, prodotte tramite riproduzione asessuale, rimangono unite formando una colonia.

La caratteristica è che tutte queste cellule, per mantenendo una loro individualità, svolgono dei compiti specifici: alcune cellule, ad esempio, si occupano della formazione dei gameti mentre altre, provviste di flagelli, si occupano della locomozione dell’intera colonia.

Zooflagellati

Alcuni zooflagellati sono di dimensioni maggiori rispetto ai fitoflagellati e si nutrono di fitoplancton. Altri, invece, sono simbionti extracellulari mutualisti o parassiti che vivono nel sangue dei vertebrati (compreso l’uomo) e provocano malattie anche molto gravi.

Coanoflagellati: i progenitori dei poriferi

Sono organismi sessili che vivono in colonie e sono considerati i progenitori dei poriferi. La loro caratteristica peculiare è che il flagello non viene utilizzato per la locomozione ma per l’alimentazione (non possono muoversi perché sono fissi al substrato). Il flagello è circondato da una specie di collare formato da microvilli citoplasmatici.

Il flagello, muovendosi, provoca lo svuotamento del collare e crea al suo interno una depressione: grazie a questa depressione l’acqua rientra nel collare tramite i microvilli che trattengono le particelle alimentari che vengono poi portate al corpo cellulare per essere digerite.

Questo stesso tipo di filtrazione lo troviamo nei poriferi: ecco perché i coanoflagellati sono considerati i loro progenitori.

Tripanosomi: i responsabili della “Malattia del sonno”

I tripanosomi sono organismi appartenenti agli zooflagellati e, nei vertebrati, causano la malattia del sonno. La loro caratteristica è quella di avere la “membranella ondulante” (che si forma perché il flagello si trova ad un’estremità e il corpo basale all’estremità opposta) che gli permette di muoversi nel plasma dei vertebrati.

Il vettore di questa malattia è un dittero, che ospita i tripanosomi nell’intestino. Nell’intestino di questo insetto questo zooflagellato assume una morfologia diversa e non ha membranella ondulante (il flagello è collocato normalmente).

Il dittero, mentre succhia il sangue ad un vertebrato, inietta saliva tramite un altro canale. Con la saliva questo insetto inietta una sostanza anticoagulante ed anche il parassita. Il vertebrato malato, poi, verrà punto da altri ditteri che, succhiando il sangue, verranno infettati.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato nel superamento degli esami della triennale. Per sostenere il progetto potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo. Per voi non ci sarà nessun sovrapprezzo, ma questo mi consente di ottenere una piccola commissione. Un'ultima cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *