Yersinia pestis: agente eziologico della peste

Yersinia pestis è un batterio Gram negativo di forma ovoidale ed è l’agente eziologico della peste, malattia infettiva tutt’ora diffusa in molte parti del mondo (anche nelle zone industrializzate). Per quanto riguarda le sue caratteristiche:

  • Asporigeno;
  • Presenta una capsula che è un fattore di virulenza molto importante;
  • Auxotrofi solo per la metionina e la fenilalanina;
  • Non cresce su terreni minimi perché non è in grado si sintetizzare gli altri amminoacidi.

Infezioni correlate

Yersinia pestis provoca:

  • Peste urbana: in cui il serbatoio sono i ratti domestici mentre il vettore è la pulce, che punge il topo infetto e trasferisce il batterio all’uomo.
  • Peste silvestre: il serbatoio sono i roditori selvatici (come gli scoiattoli) ed il vettore è sempre la pulce.

Occasionalmente la pulce può pungere e infettare l’uomo.

Manifestazioni cliniche

Quando l’uomo contrae la Yersinia manifesta la prima fase della malattia che è la peste bubbonica, fase più lieve della malattia che si manifesta con pustole nel punto di ingresso del batterio.

Dopo i batteri migrano e si localizzano a livello dei linfonodi inguinali dove si moltiplicano dando origine alla peste nera o polmonare, caratterizzata da febbre alta, tachicardia, malessere, dolori alla schiena, delirio.

Il periodo di incubazione varia da 1 a 6 giorni.

  • Piccola pustola nel punto di ingresso del batterio.
  • Diffusione ai vasi linfatici.
  • Localizzazione e proliferazione nei linfonodi inguinali. Il batterio riesce a proliferare grazie al sistema di secrezione di tipo III, che trasferisce fattori di virulenza alle cellule dell’ospite, e grazie al blocco della fagocitosi macrofagica.
    Questi batteri hanno un elevato potere patogeno perché le tossine della Yersinia che vengono iniettate, grazie al sistema di secrezione di tipo III, “paralizzano” il macrofago.
  • Ingrossamento dei linfonodi (bubboni).
  • Batteriemia e colonizzazione di vari organi con conseguenti lesioni necrotico-emorragiche.

Fattori di virulenza

Hanno diversi fattori di virulenza:

  • Adesine e invasine (localizzazione cromosomica).
  • Capsula (localizzazione cromosomica).
  • Sistemi di secrezione di tipo III (localizzazione plasmidica).
  • Sistemi di regolazione a due componenti (calcio e temperatura).
  • I geni di virulenza di Yersinia pestis sono attivati a 37°C.

Libro di testo

Gli appunti di microbiologia applicata presenti sul nostro sito sono quelli che io stesso ho utilizzato per preparare l’esame. Come saprete, però, i libri di testo sono indispensabili perché ci permettono di addentrarci più a fondo negli argomenti e ci permettono di capire gli argomenti che a lezione sono stati poco chiari. Clicca qui per i libri di microbiologia consigliati per gli studenti di biologia.

Io, per preparare l’esame, ho usato sia il Brock che il testo “Microbiologia Medica”, molto utile per gli argomenti riguardanti la diagnosi delle infezioni e le malattie infettive.

 

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, il materiale didattico che ho utilizzato per lo studio. Gli appunti sono una sintesi tra appunti di lezione, libri di testo, slide, materiale trovato online. Per sostenere il progetto potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo. Per voi non ci sarà nessun sovrapprezzo, ma questo mi consente di ottenere una piccola commissione. Un'ultima cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *