Infezioni esogene ed endogene

Prima di parlare delle infezioni esogene ed endogene ricordiamo che un’infezione è la colonizzazione delle superfici esterne, la diffusione nei tessuti sottomucosi e/o l’ingresso nel circolo ematico o linfatico. Come già abbiamo detto in un altro articolo c’è una differenza sostanziale sta l’infezione e la malattia.

Infezioni endogene

Nelle infezioni endogene si verifica:

  • Un’abnorme espansione numerica di una o più specie presenti nella popolazione microbica normale di un distretto dell’organismo. Tra queste possiamo ricordare le gastroenteriti e le infezioni della bocca.
  • Trasferimento di microrganismi presenti nella popolazione microbica normale di un distretto dell’organismo in altre sedi o distretti diversi da quelli normalmente colonizzati. Può succedere che microrganismi normalmente presenti nell’intestino si trasferiscano nell’apparato urinario, oppure che batteri presenti nel cavo orale (bocca, tonsille) arrivino al cuore.



Infezioni esogene

Nelle infezioni esogene, invece, si verifica:

  • L’ingresso nell’organismo di un microrganismo o virus patogeno proveniente da una sorgente esterna che può essere rappresentata da materiali inanimati, animali infetti o altri essere umani infetti.

Le infezioni esogene si dividono in:

  • Infezioni esogene conclamate o subcliniche non trasmissibili.
  • Infezioni esogene conclamate o subcliniche a trasmissione interumana. In questo caso le malattie sono contagiose.

Le vie di trasmissione delle infezioni esogene

Vediamo 5 vie di trasmissione:

  • Per ingestione di alimenti o bevande contaminate: l’agente infettante, eliminato con il materiale fecale, raggiunge il cibo (circuito oro-fecale o meglio ancora feco-orale).
  • Per via aerea: trasmissione interumana attraverso le microgocce di saliva eliminate con la tosse, gli starnuti, il linguaggio parlato.
  • Per contagio sessuale: trasmissione di agenti infettanti, eliminati con diversi secreti da un soggetto infetto, direttamente sulle mucose del partner non infetto.
  • Per inoculazione diretta: ingresso di agenti infettanti ad opera del morso di un animale infetto o della puntura di un artropode ematofago che si sia nutrito di sangue di un soggetto infetto.
  • Per penetrazione traumatica: direttamente nei tessuti profondi dell’organismo di materiali contaminati provenienti dall’ambiente.



Malattie contagiose o infettive

Patologie da infezione per le quali sono necessarie misure di controllo sanitario, ossia:

  • Segnalazione obbligatoria o denuncia alle autorità sanitarie preposte.
  • Isolamento dei soggetti infetti in reparti specializzati.
  • Chemioprofilassi dei soggetti esposti al contagio.
  • Vaccinazioni di massa.

La trasmissione interumana delle malattie infettive

Sono a trasmissione orizzontale o verticale:

  • A trasmissione orizzontale: l’infezione si trasmette tra individui diversi e indipendenti.
  • A trasmissione verticale: l’infezione si trasmette dalla madre al feto.

Quelle a trasmissione verticale si dividono in:

  • Infezioni congenite (del feto), per via diaplacentare.
  • Infezioni perinatali (del neonato), che si verificano durante il passaggio attraverso il canale del parto infetto.
  • Infezioni postnatali, che si verificano durante l’allattamento.

Libro di testo

Per lo studio della microbiologia applicata potete utilizzare o microbiologia medica, oppure sempre il Brock è un ottimo libro di testo.

 

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato a sostenere tutti gli esami della triennale. Potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo e non solo. Una cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *