Funzionamento e componenti del complemento

L’anticorpo può solo individuare il batterio ma non può provocare la sua lisi. Per questo motivo è di fondamentale importanza il complemento, che si trova nel sangue. Nel siero sono presenti due componenti:

La funzione del complemento

Gli anticorpi hanno la funzione di neutralizzare l’antigene ed attivare il sistema del complemento. Il sistema del complemento è costituito da una cascata di proteine sieriche che si attivano in maniera sequenziale e ordinata, portando alla lisi della cellula batterica. Il sistema del complemento è attivato dai complessi immuni antigene-anticorpo.

Vediamo la via classica di attivazione del complemento, che è quella meno ancestrale.

La via classica di attivazione del complemento prevede la formazione del complesso antigene-anticorpo. Il complesso antigene-anticorpo recluta il complesso c1 del complemento, che è formato da varie subunità: una C1q, due C1r e due C1s (infatti il complesso c1 viene anche detto C1q(rs)2). Il complesso immune viene legato dalla subunità C1q e si attiva un’altra subunità del C1 complex, che è la C1s.

La subunità C1s è una proteasi che taglia le componenti C2 e C4 in C2a/C2b e C4a/C4b.

Di questi 4 frammenti solo due rimangono adesi alla superficie del batterio e sono C4b e C2a, che formano un complesso C4b2a. Questo complesso è una C3 convertasi, una proteasi che idrolizza il complemento C3 del complemento in C3b e C3a.



Il C3a viene allontanato e partecipa al processo infiammatorio. Il C3b (ha funzione opsonizzante) invece si associa al complesso della C3 convertasi che diventa C4b2a3b. C4b2a3b è una C5 convertasi.

La C5 convertasi scinde C5 in C5a e C5b. C5a si allontana e partecipa al processo infiammatorio, mentre C5b rimane sulla membrana del batterio.

A questo punto vengono reclutati C6, C7, C8, e anche C9. C9 è un componente del complemento formato da tante proteine che associandosi sulla superficie del batterio producono un poro sulla membrana del batterio.

Il poro che si forma è detto MAC (membrane attack complex).

Opsonizzazione

Alcuni anticorpi hanno una funzione opsonizzante, soprattutto le IgG. Hanno la funzione di incrementare la capacità da parte dei macrofagi di fagocitare il batterio a cui si sono legati. Il macrofago ha un recettore per il frammento Fc dell’anticorpo, che è quello che viene esposto. Inoltre, il macrofago ha anche un recettore per il frammento C3b.

Via alternativa di attivazione del complemento

Questa è più ancestrale ed è anticorpo indipendente, quindi fa parte della risposta immunitaria innata. Il complemento viene attivato direttamente da molecole presenti sulla superficie degli agenti patogeni.

La via alternativa di attivazione del complemento inizia con il legame di C3b alla superficie del batterio, che si genera dalla lisi spontanea di C3 nel plasma. A C3b si lega il fattore B.



Il fattore D plasmatico (si potrebbe chiamare B convertasi) idrolizza il fattore B: il fattore Ba viene allontanato, mentre il frammento Bb lega il C3b e si forma il complesso C3bBb.

Bb e C3b insieme alla properdina, una proteina sierica che riconosce C3bBb e i profili molecolari associati al patogeno (esempio lipopolisaccaride), formano il complesso C3 convertasi, che genera altro C3b da C3.

C3b lega il complesso C3bBb e si forma il complesso C5 convertasi. C3b può anche opsonizzare la superficie batterica.

La C5 convertasi genera la proteina C5b (C5a si allontana)) che recluta il complesso di attacco alla membrana. Il fattore C5a attiva il processo infiammatorio. C5b recluta C6, C7, C8 e C9, che formano il complesso di attacco alla membrana. A questo punto avviene la lisi della cellula batterica.

Quello che cambia tra la via classica e la via alternativa è il modo in cui viene attivato il complemento.

Via lectinica di attivazione del complemento

Alcuni batteri patogeni presentano nella superficie esterna dei residui di mannosio che interagiscono con alcune proteine del siero dette MBL (mannose binding lectine). Questa interazione innesca l’attivazione del complemento: anche in questo caso il complemento si attiva in modo anticorpo indipendente.

L’interazione tra mannosio e MBL attiva altre proteine, che sono le MASP (MBL associated proteins). Le proteine MASP hanno attività proteasica nei confronti dei fattori C2 e C4 del complemento. Dopo viene idrolizzata C3 e la via prosegue come al solito.

Libro di testo

Per lo studio della microbiologia applicata potete utilizzare o microbiologia medica, oppure sempre il Brock è un ottimo libro di testo.

 

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato a sostenere tutti gli esami della triennale. Potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo e non solo. Una cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *