Studi di tipo caso-controllo: osservazionali, analitici, longitudinali

Gli studi caso-controllo hanno lo scopo di confermare il sospetto che un determinato fattore di rischio possa essere associato ad una determinata patologia, quindi ci consentono di valutare quanto è presente il fattore di rischio negli ammalati rispetto a quanto è presente nei non ammalati.

Come dice il titolo uno studio di tipo corte è:

  • Osservazionale: perché non si somministrano terapie né si interviene sulla vita degli individui, ma si osserva una coorte per un periodo di tempo e si valuta l’incidenza di una patologia in studio.
  • Analitico: perché serve a verificare se il/i fattori supposti causali si presentano associati alla malattia in studio.
  • Prospettico: perché esiste la dimensione temporale.



In questi studi, a differenza di quelli di tipo coorte, quindi si parte da soggetti ammalati a cui viene fatto compilare un questionario per capire quanto è presente il fattore di rischio su cui si sta indagando. Chiaramente il questionario deve essere validato ed è necessario che i soggetti lo compilino due volte a distanza di tempo, per vedere se le risposte coincidono.

In questi casi si calcola l’OR, detto anche rapporto crociato.

Schema di uno studio caso-controllo

  • Se OR=1 il fattore di rischio non ha influenza sullo sviluppo della malattia.
  • Se OR>1 c’è una probabile associazione tra il fattore di rischio e la malattia.
  • Se OR<1 il fattore di rischio è protettivo.

Vantaggi e svantaggi degli studi caso-controllo

I vantaggi sono:

  • Semplicità di esecuzione (fattibilità).
  • Costi bassi.
  • Rapido da effettuare.
  • Utilità nell’identificare possibili fattori casuali o facilitanti (possibilità di valutare più fattori di rischio).
  • Adeguati in caso di malattie rare.
  • Permettono di saggiare ipotesi recentemente emerse.



Gli svantaggi sono:

  • Semplicità di esecuzione (approssimazione della stima del fattore di rischio che deriva dal fatto che si utilizza un rapporto di prevalenza e non di incidenza tra esposti e non esposti al fattore di rischio).
  • Non adatti se il fattore di rischio è poco frequente nella popolazione.
  • Mancanza di dati oggettivi sull’entità dell’esposizione pregressa.

Libro di igiene

L’esame di igiene è uno degli esami più semplici di tutto il corso di biologia, ma è comunque molto interessante perché spazia tra tantissimi argomenti che hanno come obiettivo quello di far capire l’importanza della prevenzione primaria. Per preparare l’esame non serve libro, ma per alcuni argomenti può essere utile consultare dei testi in biblioteca.

Se hai trovato utili questi appunti acquista il libro da questi link per sostenere il progetto.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato nel superamento degli esami della triennale. Per sostenere il progetto potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo. Per voi non ci sarà nessun sovrapprezzo, ma questo mi consente di ottenere una piccola commissione. Un'ultima cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *