Catabolismo della lisina

Questo è un amminoacido esclusivamente chetogenico che presenta il gruppo epsilon-amminico. Una caratteristica della lisina è che non transamina e quindi eliminare il gruppo amminico è complesso.

Fonte: libro di testo “Principi di biochimica di Lehninger”. Clicca per acquistarlo

Avviene una reazione di condensazione riduttiva tra la lisina e l’alfa chetoglutarato catalizzata dall’enzima lisina alfa-chetoglutarato reduttasi e si forma la saccaropina.

La reazione successiva è una deidrogenazione catalizzata dalla saccaropina deidrogenasi (reazione di ossidazione e di idrolisi). Quello che si forma è glutammato e alfa-amminoadipato-delta-semialdeide. Con questa reazione siamo riusciti a staccare il gruppo amminico della catena laterale della lisina.
In questa reazione il carbonio epsilon perde il gruppo amminico, si ossida e diventa gruppo aldeidico. La molecola è detta semialdeide perché l’adipato è un acido dicarbossilico ma, ancora, il secondo gruppo carbossilico è un gruppo aldeidico.



La reazione successiva è una deidrogenazione in cui il gruppo aldeidico viene ossidato a gruppo carbossilico e si forma l’alfa-amminoadipato. L’enzima che catalizza la reazione è l’alfa-amminoadipato-delta-semialdeide.

L’alfa-amminoadipato è la molecola su cui convertono sia il catabolismo della lisina che il catabolismo del triptofano.

Continua a leggere i nostri appunti in cui analizziamo il destino metabolico dell’alfa-aminoadipato che, attraverso una serie di reazioni, diverta acetoacetil-CoA.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato a sostenere tutti gli esami della triennale. Potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo e non solo. Una cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *