Urocordati: i primi cordati

Gli urocordati sono piccoli animali marini sessili che vivono in colonie e sono fissi sul fondo del mare.

Immagine di alcuni urocordati
Fonte: www.biologiamarina.eu



Principali caratteristiche e strutture

Gli urocordati vengono chiamati anche tunicati perché tutto il loro corpo è avvolto da un rivestimento costituito da tunicina.

Sono forniti di due sifoni:

  • Uno per l’ingresso dell’acqua detto boccale.
  • Uno per l’uscita dell’acqua detto atriale.

Differenze con i vertebrati

Si differenziano dai vertebrati perché non hanno un sistema nervoso, sono sessili e perché non hanno un tubo digerente sviluppato.

Caratteristiche da cordati

Gli urocordati adulti, delle tre caratteristiche richieste per essere dei cordati, ne hanno solo una: le fessure branchiali. E perché, allora, sono considerati dei cordati?
Perché nella larva, nella regione della coda, troviamo sia la corda che il cordone nervoso. Vengono appunto chiamati urocordati perché uro, in greco, significa coda.

Leggi i nostri appunti sulle caratteristiche dei cordati

Perché la larva ha la coda?

La larva ha bisogno della coda perché è mobile: dopo aver colonizzato nuovi ambienti, e quindi dopo aver guadagnato lo spazio vitale necessario, può perdere la cosa e fissarsi al substrato.

Larva degli urocordati
Fonte: http://www.shikablog.it



Teorie sull’evoluzione degli urocordati

  1. Secondo una teoria i primi vertebrati sono nati già come attivi nuotatori e quindi i tunicati si sarebbero specializzati da alcuni progenitori dei vertebrati. Cioè da un antenato comune capace di nuotare (anche da adulto) si sono evoluti per miglioramento i vertebrati e per degenerazione gli urocordati che hanno perso la capacità di nuotare.
  2. Secondo un’altra teoria l’antenato comune a vertebrati e urocordati era un organismo sessile e filtratore. In seguito sono comparse, come adattamento della larva che aveva necessità di muoversi, la coda e tutte le altre strutture legate al movimento.
    Da questa forma capace di muoversi si sarebbero evoluti sia i vertebrati che gli urocordati.

Esamineremo nei prossimi appunti qual’è la teoria che è stata confermata.

Libro di anatomia comparata

Lo studio dell’anatomia comparata richiede tempo, pazienza e l’ausilio immagini. Il manuale “Anatomia Comparata” edito da Edi-Ermes è un ottimo testo per il superamento dell’esame, perché unisce alle immagini una grande chiarezza nell’esposizione dei concetti. L’unico difetto è che potrebbe contenere troppe informazioni rispetto agli argomenti trattati a lezione.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, il materiale didattico che ho utilizzato per lo studio. Gli appunti sono una sintesi tra appunti di lezione, libri di testo, slide, materiale trovato online. Per sostenere il progetto potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo. Per voi non ci sarà nessun sovrapprezzo, ma questo mi consente di ottenere una piccola commissione. Un'ultima cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *