Rimpiazzo dei denti: animali polifiodonti e difiodonti

I denti hanno un ruolo importante per lo studio dell’evoluzione perché, essendo poco degradabili, sono presenti numerosi fossili che si sono rivelati utilissimi nello studio dell’anatomia comparata. Hanno forma variabile e ciò è importante per la classificazione. I denti, nelle varie classi di vertebrati, hanno anche diversi attacchi.

Rimpiazzo dei denti negli animali

I denti vanno incontro a rimpiazzo sia per motivi legati alla crescita sia per il logorio dovuto al loro uso. Il rimpiazzo può avvenire in modi diversi.

Animali polifiodonti e animali difiodonti

Ci sono gli animali polifiodonti, che rimpiazzano i denti più volte nel corso della vita e animali difiodonti (come l’uomo) che alternano due generazioni di denti: i denti da latte che verranno poi sostituiti con i denti definitivi.

  • I ciclostomi hanno denti cornei, conici, presenti anche sulla lingua.
  • Nei pesci i denti sono numerosi, sono conici e si parla di animali omodonti, cioè hanno i denti tutti uguali, della stessa forma e delle stesse dimensioni. I pesci hanno i denti anche sul palato.
    Nei crossopterigi i denti presentano una dentina pieghettata (smalto pieghettato) e sono detti labirintodonti.
  • Gli anfibi hanno denti piccoli, semplici, con attacco pleurodonte.
  • I rettili e gli uccelli estinti (Achaeopteryx) avevano denti omodonti con tutte le possibilità di attacco. Nei rettili ci sono grossissime differenze tra le varie classi ma, in linea di massima, diciamo che sono animali polifiodonti.
    Nei serperti i denti sono spesso collegati alle ghiandole del veleno mentre le tartarughe non hanno denti. I terapsidi, progenitori dei mammiferi, erano eterodonti perché avevano i denti diversi tra loro.



  • I mammiferi sono vertebrati con denti diversi: incisivi (per afferrare e tranciare il cibo), canini (per trattenere e perforare), premolari e molari (per triturare). I mammiferi sono gli unici vertebrati che non ingoiano direttamente il cibo, perché afferrano, infilzano, trattengono, triturano e poi ingoiano.

Gli altri vertebrati, invece, ingoiano la preda intera, e questo è il motivo per cui non hanno bisogno di diversificare i denti. Le conseguenza del trattenere il cibo in bocca sono: una diversa articolazione tra mandibola e palato, lo sviluppo delle guance, lingua che contribuisce alla masticazione, denti di forma diversa.

Libro di anatomia comparata

Lo studio dell’anatomia comparata richiede tempo, pazienza e l’ausilio immagini. Il manuale “Anatomia Comparata” edito da Edi-Ermes è un ottimo testo per il superamento dell’esame, perché unisce alle immagini una grande chiarezza nell’esposizione dei concetti. L’unico difetto è che potrebbe contenere troppe informazioni rispetto agli argomenti trattati a lezione.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato nel superamento degli esami della triennale. Per sostenere il progetto potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo. Per voi non ci sarà nessun sovrapprezzo, ma questo mi consente di ottenere una piccola commissione. Un'ultima cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *