Caratteristiche principali dei placodermi e classificazione

I placodermi sono dei vertebrati che appartengono, in base alle varie classificazioni, agli gnatostomi, agli ittiopsidi e agli anamni. Tutte le specie appartenenti ai placodermi sono ormai estinte ma questi, a differenza degli altri pesci primitivi (ciclostomi e ostracodermi), avevano l’arco orale.



Erano molto simili ai pesci moderni e si sono sviluppati tra il Siluriano superiore e il Devoniano superiore.

Caratteristiche principali

Avevano corpo pisciforme e pinne impari, mentre le pinne pettorali  e quelle pelviche erano pari. Possedevano una corazza costituita da placche di dimensioni diverse che si estendevano per metà del corpo. La maggior parte dei placodermi erano animali bentonici (vivevano nei fondali).

Sono i primi animali ad avere l’arco orale (mascella e mandibola) che è sospeso direttamente al neurocranio senza altre strutture che lo collegano. Questa sospensione è detta autostilica e vedremo nei prossimi appunti le differenze tra i vari attacchi dell’arco orale al cranio. I placodermi avevano una dentatura primitiva costituita da sporgenze cartilaginee.

La presenza della bocca, di scaglie piccole che consentono mobilità e delle pinne pari permetteva loro la predazione. Le pinne pari, infatti, garantiscono maggiore stabilità nell’acqua e permettevano ai placodermi di nuotare senza rollio. Quando parliamo di rollio facciamo riferimento all’oscillazione di un veicolo sia terrestre, sia marino, sia aereo intorno al proprio asse longitudinale, in sostanza girare su se stessi.

Nei placodermi è stata trovata l’impronta, e quindi alcuni ricercatori hanno ipotizzato che avessero un polmone primitivo.

Ricostruzione di un placoderma
Fonte: https://www.ilgiornaledeimarinai.it/placodermi-pesci/



Classificazione dei placodermi

Appartenevano ai placodermi:

  • Artrodiri: raggiungevano dimensioni notevoli ed erano predatori di acqua dolce.
  • Antiarchi: animali con testa piccola e scudo articolato.
  • Stegoselaci: animali con scudo frammentato.
  • Acantodi: animali con molte pinne pari.

Libro di anatomia comparata

Lo studio dell’anatomia comparata richiede tempo, pazienza e l’ausilio immagini. Il manuale “Anatomia Comparata” edito da Edi-Ermes è un ottimo testo per il superamento dell’esame, perché unisce alle immagini una grande chiarezza nell’esposizione dei concetti. L’unico difetto è che potrebbe contenere troppe informazioni rispetto agli argomenti trattati a lezione.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato nel superamento degli esami della triennale. Per sostenere il progetto potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo. Per voi non ci sarà nessun sovrapprezzo, ma questo mi consente di ottenere una piccola commissione. Un'ultima cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *