Anfiosso: caratteristiche e organi

I cefalocordati oggi sono rappresentati da una sola specie: l’anfiosso (Brancheostoma lanceolatum).

Anfiosso: l’unico cefalocordato rimasto

Questi animali hanno aspetto pisciforme, sono traslucidi e vivono nei fondali marini in acque poco profonde con la testa nella sabbia. La corda dorsale è presente in tutte le fasi della vita e rimane anche nell’adulto, in cui si estende dalla regione cefalica fino alla coda (ecco perché vengono chiamati cefalocordati).

Struttura dell'anfiosso
Fonte: http://www.shikablog.it

Sopra la corsa c’è il cordone nervoso che non è un vero cervello e come la corda si estende dalla testa fino alla coda.

L’anfiosso rispetta anche la terza caratteristica comune a tutti i cordati perché ha le fessure branchiali che però non vengono usate per la respirazione, che è cutanea, ma per l’alimentazione.



Negli appunti precedenti abbiamo parlato delle caratteristiche dei cordati

Organi e apparati dell’anfiosso

Il tubo digerente è molto semplice con la bocca fornita di appendici, dette cirri, da cui si diparte il faringe che si estende fino a circa la metà del corpo. Nella prima parte del faringe avviene la digestione, mentre nella seconda parte avviene l’assorbimento.

Le fessure branchiali partecipano alla raccolta del cibo e dorsalmente al faringe c’è l’endostilo, che è una struttura continuamente rifornita di muco. Attraverso i cirri si creano delle correnti attorno alla bocca che convogliano le particelle alimentari verso le fessure branchiali: l’acqua entra nelle fessure e le particelle vengono intrappolate nel muco che scorre lungo le pareti dell’endostilo.



L’anfiosso non ha un cuore ma i vasi sanguigni hanno la stessa organizzazione di quelli dei vertebrati. Il sistema circolatorio, così come quello respiratorio, non sono necessari perché le dimensioni sono molto piccole e gli scambi avvengono per diffusione.

Il corpo dell’anfiosso ha muscoli metamerici che si contraggono in maniera alternata per permettere il movimento. Anche le gonadi sono metameriche.

Per quanto riguarda il sistema escretore i cefalocordati hanno i protonefridi.

L’anfiosso è filogeneticamente vicino ai vertebrati?

Quali sono i caratteri che avvicinano l’anfiosso ai vertebrati? Sono state formulate 3 teorie:

  1. Alcuni studiosi escludevano che l’anfiosso sia affine ai vertebrati. NON VALIDA
  2. Alcuni studiosi pensavano che fossero venuti prima i vertebrati e poi da questi, per degenerazione, sono nati i cefalocordati. NON VALIDA
  3. L’anfiosso va considerato un superstite specializzato e modificato di un antenato dei vertebrali. VALIDA

Una delle caratteristiche che differenzia i vertebrati dall’anfiosso è che i vertebrati sono attivi nella ricerca del cibo, mentre i cefalocordati si nutrono tramite filtrazione.

Libro di anatomia comparata

Lo studio dell’anatomia comparata richiede tempo, pazienza e l’ausilio immagini. Il manuale “Anatomia Comparata” edito da Edi-Ermes è un ottimo testo per il superamento dell’esame, perché unisce alle immagini una grande chiarezza nell’esposizione dei concetti. L’unico difetto è che potrebbe contenere troppe informazioni rispetto agli argomenti trattati a lezione.

Autore dell'articolo: Admin

In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato a sostenere tutti gli esami della triennale. Potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo e non solo. Una cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *