La doppia elica di Watson, Crick e Franklin

Watson e Crick, “rubando” il lavoro della ricercatrice Rosalind Franklin, pubblicarono su Nature il loro lavoro sulla struttura del DNA.
La doppia elica di Watson e Crick fu una scoperta importantissima perché permise di chiarire la struttura della molecola centrale della vita.

Fonte: wikipedia
  • La molecola di DNA consiste di due catene polinucleotidiche avvolte una intorno all’altra a formare una doppia elica destrorsa.
  • Le due catene sono antiparallele, cioè i due filamenti hanno polarità opposta. Uno è 5’-3’ e l’altro è 3’-5’. Nell’estremità 5’ troviamo un gruppo fosfato libero, nell’estremità 3’ troviamo un gruppo OH libero.
  • All’esterno della doppia elica troviamo gli zuccheri e i fosfati, che sono polari, mentre le basi azotate sono orientate verso l’asse centrale. Le basi sono apolari ed hanno una struttura piatta disposta perpendicolarmente all’asse dell’elica.
  • Le basi dei due filamenti appaiati sono complementari, ad ogni adenina corrisponde una timina e ad ogni guanina corrisponde una citosina. Le coppie di basi sono quindi sempre formate da una purina e da una pirimidina: due purine o due pirimidine non potrebbero stare insieme perché destabilizzerebbero l’elica, un legame A-G sarebbe infatti troppo grande mentre un legame C-T sarebbe troppo piccolo.
    A e T sono legate tramite due legami a idrogeno, mentre C e G sono legate tramite tre legami a idrogeno.



    L’appaiamento delle basi conferisce grande stabilità alla molecola di DNA, in cui sono rarissime sia le tautomerie cheto-enoliche sia le tautomerie ammino-immina.
  • Le coppie di basi hanno una distanza pari a 3,4 A (0,34nm).
  • Un giro completo richiede 34 A (3,4nm).
  • La rotazione media per ogni coppia di basi è di 36°, quindi per ogni giro completo dell’elica ci sono 10 coppie di nucleotidi.
  • Il diametro dell’elica e di 20 A (2nm).
  • L’avvolgimento porta alla formazione di spazi diversi per ogni giro d’elica, detti solco maggiore e solco minore. I solchi sono siti di interazione con le proteine.

Leggi anche: basi azotate e nucleotidi.

Appaiamento delle basi complementari

L’adenina si lega alla timina con 2 legami a idrogeno che si stabiliscono tra:

  • NH in posizione 1 della timina e N in posizione 1 dell’adenina.
  • Gruppo carbossilico in posizione 6 della timina e NH2 in posizione 6 dell’adenina.

La citosina si lega alla guanina con 3 legami a idrogeno che si stabiliscono tra:

  • NH in posizione 1 della guanina e N in posizione 1 della citosina.
  • NH2 in posizione 2 della guanina e gruppo carbossilico in posizione 2 della citosina.
  • Gruppo carbossilico in posizione 6 della guanina e NH2 in posizione 6 della citosina.

Autore dell'articolo: Admin

Laureato con 110 e lode alla triennale in Scienze Biologiche e, da Ottobre, sarò studente di Nutrizione Umana nella laurea magistrale in Biologia. In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato a sostenere tutti gli esami della triennale. Potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo e non solo. Una cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *