Via co-traduzionale o via secretoria

Le cellule eucariotiche possiedono migliaia di proteine diverse ed ognuna di esse deve essere in grado di raggiungere la corretta destinazione cellulare dove svolgerà la sua funzione.

Sequenza segnale

Lo smistamento delle proteine nei vari distretti cellulari avviene grazie alla presenza di particolari regioni dette sequenze segnale o leader sequence (LS). Spesso la sequenza segnale è rappresentata dalla sequenza di specifici amminoacidi ma in alcuni casi è rappresentata da regioni con particolari proprietà chimico-fisiche (amminoacidi polari, neutri o apolari) e specifica lunghezza.



Le sequenze segnale sono necessarie e sufficienti per determinare il destino di una proteina neosintetizzata e, mutazioni a livello della sequenza segnale, sono alla base di alcune importanti patologie umane perché le proteine non vengono smistate correttamente.

Esistono due vie principali di smistamento delle proteine:

  • La via co-traduzionale o secretoria
  • La via post-traduzionale o citoplasmatica

Via co-traduzionale o via secretoria

Nella via co-traduzionale la traduzione e la traslocazione all’interno dell’organello di destinazione o di transito avvengono contemporaneamente.

Le proteine prodotte con la via co-traduzionale sono:

Le proteine per arrivare all’interno degli organelli o per essere incorporate nella membrana plasmatica seguono la via secretoria.

  1. Vengono tutte sintetizzate all’interno del reticolo endoplasmatico.
  2. Alcune proteine rimangono nel RE, mentre altre vengono indirizzate verso l’apparato del golgi.
  3. Alcune proteine rimangono all’interno del golgi, mentre altre vengono smistate verso i lisosomi o verso la membrana plasmatica grazie alle vescicole di secrezione.
Fonte: Citologia, Istologia e Anatomia microscopica PEARSON di D. Zaccheo e‎ M. Pestarino Clicca per acquistarlo

Gli studi sulla proteine hanno evidenziato la presenza di specifiche sequenze segnale che provocano l’importazione delle proteine nel reticolo endoplasmatico rugoso. La LS per il RER si trova solitamente all’estremità N-terminale della proteina nascente ed è formata da alcuni amminoacidi carichi positivamente (da 1 o più residui) seguiti da 6-12 amminoacidi idrofobici.

Ingresso della proteina nel reticolo endoplasmatico

La sequenza segnale della proteina che si sta formando interagisce con il complesso SRP (particella di riconoscimento del segnale o signal recognition particle) che nei mammiferi è formato da 6 proteine e da un piccolo RNA di 300 nucleotidi detto RNA 7S. Ognuna delle 6 proteine svolge una funzione diversa:

  • SRP54 lega la sequenza segnale della proteina che si sta formando
  • SRP9 e SR14 legano la subunità maggiore del ribosoma
  • SRP68 e SRP72 servono per la traslocazione della proteina
  • L’altra proteina riconosce uno specifico recettore presente sulla membrana del reticolo endoplasmatico rugoso




Il complesso SRP si lega al ribosoma bloccando la sintesi proteica e si lega anche al recettore presente sulla membrana del RER. A questo punto delle proteine dette riboforine si legano alla subunità maggiore del ribosoma e permettono l’adesione del ribosoma al RER.

A questo punto il complesso SRP si stacca dalla sequenza segnale, dal ribosoma e dal recettore della membrana del RER e viene riciclato. Quando il complesso di stacca la sintesi proteica può ricominciare e la proteina viene trasferita nel lume del RE grazie ad un complesso proteico di membrana (situato sulla membrana del RER) detto traslocone.

Uno specifico enzima di membrana situato vicino al traslocone, detto peptidasi del segnale, taglia la porzione N-terminale della proteina eliminando la regione contenente la sequenza segnale. In questo modo la proteina viene rilasciata all’interno del reticolo endoplasmatico.

Fonte: Citologia, Istologia e Anatomia microscopica PEARSON di D. Zaccheo e‎ M. Pestarino
Clicca per acquistarlo

Destino delle proteine neo-sintetizzate

Le proteine che sono state introdotte nel RE grazie al traslocone e alla peptidasi del segnale, verranno secrete oppure diventeranno proteine del lume del RE, del lume del Golgi, del lume dei lisosomi o degli endosomi.

Alcune di esse diventeranno delle proteine intrinseche della membrana plasmatica oppure della membrana degli organelli (RE, golgi, lisosomi, endosomi).


Autore dell'articolo: Admin

Laureato con 110 e lode alla triennale in Scienze Biologiche e, da Ottobre, sarò studente di Nutrizione Umana nella laurea magistrale in Biologia. In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato a sostenere tutti gli esami della triennale. Potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo e non solo. Una cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *