Trasporto vescicolare: pinocitosi, fagocitosi, endocitosi mediata da recettore

Il trasporto vescicolare è un tipo di trasporto attivo in cui l’energia derivante dall’idrolisi dei legami dell’ATP viene utilizzata per la formazione e per il movimento delle vescicole, che trasportano sostanze dentro e fuori la cellula.
Grazie al trasporto vescicolare anche le grandi molecole possono essere trasportate mediante vescicole che si fondono con la membrana plasmatica riversando il loro contenuto dal lato opposto.



Si distinguono due tipi di trasporto vescicolare:

  • Endocitosi: trasporto di sostanze all’interno della cellula.
  • Esocitosi e gemmazione: trasporto di sostanze al di fuori della cellula. Leggi i nostri appunti

Endocitosi

Con l’endocitosi avviene l’ingresso nella cellula di materiale presente nella spazio extracellulare grazie alla formazione di vescicole che derivano dall’introflessione della membrana plasmatica. In base al diametro delle vescicole si distinguono due tipi di endocitosi: pinocitosi (150nm) e fagocitosi (superiori a 250nm). A queste due modalità dobbiamo anche aggiunge l’endocitosi mediata da recettore.

Fonte: Wikipedia

Pinocitosi

Letteralmente vuol dire “cellula che beve” ed è un processo che avviene in tutte le cellule. Con la pinocitosi c’è un’assunzione aspecifica di molecole dalla spazio extracellulare. La cellula importa delle sostanze liquide che vengono rilasciate nel citoplasma.
Si forma una minuscola goccia di liquido circondata dalla membrana che si stacca nel citoplasma.

Fagocitosi

Letteralmente vuol dire la “cellula mangia” ed è un processo che permette l’assunzione di particelle anche molto grandi (fino a 250nm). La fagocitosi permette l’ingresso nella cellula di agenti patogeni e di cellule morte che dovranno essere degratate, ed è mediata da diverse classi di recettori di membrana:

  • Recettori Toll-like
  • Recettori immunoglobuline
  • Recettori del complemento
  • Recettori fosfatidilserina (cellule morte)

I granulociti neutrofili, i macrofagi e le cellule dendritiche sono cellule specializzate nell’attività fagocitaria.



La vescicola si forma in vari step:

  • Delle pieghe della membrana plasmatica (chiamate pseudopodi) circondano la particella che deve essere ingerita, formando intorno ad essa un piccolo vacuolo.
  • Il vacuolo in seguito ad una strozzatura si libera all’interno del citoplasma. Questa vescicola è detta fagosoma.
  • Il fagosoma si fonde con i lisosomi che provvedono alla degradazione del materiale ingerito.

Endocitosi mediata da recettore

Questo processo permette l’ingresso nella cellula di specifiche molecole (ligandi) che si legano a specifiche proteine di membrana (recettori). L’endocitosi è innescata dal contatto delle molecole da introdurre in cellula con i recettori specifici. Solitamente i recettori sono addensati in specifiche regioni della membrana plasmatica, dette raft lipidici.

Sul versante intracellulare i complessi recettore-ligando si combinano, attraverso la mediazione di proteine dette adaptine, con particolari proteine citosoliche dette clatrine (possono legarsi ai recettori solo grazie alla presenza delle adattine).
Le clatrine sono organizzate in strutture dotate di 3 gambe non complanari dette trischeli, i quali, combinandosi tra loro, formano una struttura poliedrica che contribuisce all’invaginazione della membrana plasmatica.

Fonte: V. Taglietti FISIOLOGIA e BIOFISICA delle cellule – V Ed EdiSES
clicca per acquistarlo

La chiusura della vescicola è catalizzata dall’attività della dinamina, una proteina che ricavando l’energia dall’idrolisi del GTP si contrae ad anello intorno alla vescicola in formazione inducendone la chiusura. A questo punto la vescicola:

  1. Perde la sua gabbia di clatrina e si forma l’endosoma precoce.
  2. Il recettore si stacca dal ligando e si formano due gruppi di vescicole: quelle contenenti il ligando si fondono con le vescicole gemmate dell’apparato del Golgi formando l’endosoma tardivo, quelle contenenti i recettori si fondono nuovamente con la membrana grazie al processo di esocitosi.

Questo riciclaggio dei recettori fa in modo che essi non vadano perduti garantendone una costante disponibilità.



L’endocitosi mediata da recettore permette l’ingresso in cellula di moltissime molecole importanti per il metabolismo cellulare come:

  • Metaboliti (come LDL e transferrina)
  • Fattori di crescita
  • Citochine
  • Ormoni
  • Tossine e virus

Leggi i nostri appunti sull’ingresso di LDL mediante endocitosi mediata da recettore

 

Autore dell'articolo: Admin

Laureato con 110 e lode alla triennale in Scienze Biologiche e, da Ottobre, sarò studente di Nutrizione Umana nella laurea magistrale in Biologia. In questo sito voglio mettere a disposizione, gratuitamente, tutti gli appunti che mi hanno aiutato a sostenere tutti gli esami della triennale. Potete acquistare, direttamente dal sito, i libri di testo e non solo. Una cortesia: disattivate AdBlock, le pubblicità mi aiutano a finanziare questo progetto..a voi non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *